Registrazione del contratto di locazione: modalità e termini

Registrazione del contratto di locazione: modalità e termini

La registrazione del contratto di locazione, presso l’Agenzia delle Entrate, secondo la normativa vigente, è obbligatoria per tutti i contratti di locazione con durata superiore a 30 giorni complessivi nell’anno.
L’obbligo di registrazione del contratto di locazione è stato introdotto con la legge 449/97, che, con l’art. 21, comma 18, ha imposto il detto obbligo con esclusione dei contratti non formati per atto pubblico o scrittura privata autenticata.

La disciplina sulla registrazione delle locazioni è inoltre molto chiara su un aspetto:

essa infatti deve essere effettuata nel termine fisso di trenta giorni decorrenti dalla data di stipulazione dell’atto o dalla data in cui il contratto ha avuto esecuzione se precedente.

Le spese di registrazione del contratto di locazione sono a carico del conduttore e del locatore in parti uguali ai sensi dell’art.8 L.392/78. Diversamente, nell’ipotesi di accertamento per mancato versamento dell’imposta, entrambe le parti, rispondono in solido del pagamento, comprensivo di interessi e sanzioni.

Per procedere al calcolo dell’imposta,

sarà necessario, tuttavia, distinguere il tipo di immobile che viene concesso in locazione, dal quale dipenderà la percentuale su cui calcolare l’imposta.

La registrazione telematica del contratto di locazione è un servizio offerto da www.affittare.it che provvederà al calcolo delle imposte dovute e alla successiva registrazione del contatto, offrendovi la straordinaria opportunità di risparmiare tempo e denaro.

Inviando una copia del contratto a info@affittare.it riceverete il calcolo delle imposte dovute. A questo punto basterà effettuare il pagamento tramite carta di credito sul nostro conto corrente. Entro 2 giorni lavorativi vi verrà trasmessa al vostro indirizzo di posta elettronica la ricevuta di avvenuta registrazione del contatto di affitto effettuata presso l’Agenzia delle Entrate.